Cuba di Milazzo

×Details

Cuba di Milazzo (foto Giuseppe Tropea 2013)

Cuba di Milazzo

Cuba di Milazzo (foto Giuseppe Tropea 2013)

Descrizione storica – La cuba di Milazzo presso contrada Masseria rientra probabilmente nel novero delle grange di piccole dimensioni alle dipendenze di monasteri più estesi. La struttura, inglobata all’interno di una moderna masseria, risulta di difficile identificazione. Dai documenti di epoca normanna si apprende dell’esistenza di almeno due metochi siti nella piana di Milazzo. Il primo è noto col toponimo di 1)G. Scaduto 1964, pag. 102 2)R. Pirri, vol. II, pag. 999 e risulta grangia del SS. Salvatore di Messina già dal 1133 d.C. Sulla localizzazione di questo monastero si pronunciava il Filangieri 3)C. Filangieri 1979, pag. 25, ritenendo che esso dovesse situarsi non lontano dall’omonima località posta lungo costa occidentale della penisola di Milazzo. Sembra che negli anni ‘70 del XX secolo esistessero alcuni ruderi relativi al complesso sacro ancora in attività nel XVI secolo. Nel 1520 si registra, infatti, l’elezione dell’abate 4)R. Pirri, vol. II, pag. 999. Oggi si fatica a riconoscere l’omonima località e le tavolette IGM 1:25000 non segnalano alcun toponimo legato alla presenza del monastero di S. Teodoro lungo tutta la penisola e la costa a sud-ovest di Milazzo. Tuttavia, maggiori informazioni sull’esistenza del S. Teodoro provengono dal Perdichizzi, storico della fine del XVII secolo, fonte sconosciuta al Filangieri e oggi nota grazie ad una recente pubblicazione 5)F. Perdichizzi 1692-1698, a cura di F. Ruvolo 1996, pp. 92-93. Il cronista localizza i ruderi del monastero di S. Teodoro lungo la penisola, esattamente a nord-est, ricordandolo vicino al mare. Egli sottolinea l’esistenza di ben due nuclei religiosi, quello originario, presumibilmente di epoca normanna, limitrofo alla costa, distrutto dai corsari e un secondo, più recente, edificato lontano dal mare e altrettanto diruto. Il secondo metochio milazzese è noto attraverso un documento del 1144 d.C., un diploma rilasciato da re Ruggero. Il testo è relativo ai possedimenti del monastero di S. Maria di Gala e riprende l’originale atto di fondazione rilasciato dalla Contessa Adelasia nel 1105 d.C. 6)Scaduto 1964, pag. 144 7)R. Pirri, vol II,pp. 1042/1043. Nel documento si menziona il . Il monastero è citato dal Pirri anche col toponimo di . Del monastero di S. Euplio sembra non si conoscano elementi certi al fine di ubicarlo con precisione 8)C. Filangieri 1979, pag. 115, sebbene Il Perdichizzi ne segnali la presenza non lontano dal Capo Milazzo, dal forte o torre di Levante e da una rinomata fonte d’acqua (acqua di S. Euplio o dei Piedegulli) 9)F. Perdichizzi 1692-1698, a cura di F. Ruvolo 1996, pp. 92 10)F. Napoli 1642, a cura di F. Ruvolo, pp. 139-140. Pare che nel XVII secolo fosse ancora possibile distinguere i ruderi del complesso sacro e della chiesa. Sulla localizzazione di entrambi i metochi, S. Teodoro e S. Euplio, si ritiene il Perdichizzi fonte abbastanza attendibile, dal quale non è possibile prescindere. Allo stato attuale degli studi, la cuba di Milazzo rimane, di conseguenza, anonima al pari delle cube edificate lungo la Valle dell’Alcantara (cuba di Malvagna, cuba Imbischi, cuba Ianazzo). Sarebbe possibile giudicare il piccolo fabbricato alla stregua di un edificio religioso rurale, presumibilmente facente capo ad un piccolo metochio oggi scomparso, anche al servizio del contado circostante.

Descrizione topografica e architettonica – i ruderi di contrada Masseria oggi giacciono all’interno di un grande complesso di centri commerciali. A pochissimi metri dalla Cuba è stato edificato un McDonald. L’impianto dei grandi magazzini e del McDonald ha ovviamente obliterato la viabilità storica, che si può ricostruire solo in parte attraverso l’ausilio della cartografia storica. I rilievi IGM 1:25000 segnalano contrada Masseria al centro di un crocevia di sentieri e carrozzabili che della piana di Milazzo conducevano direttamente lungo la costa. La strada più breve verso il porto ė una carrozzabile, che svolge il suo percorso in maniera più o meno agevole in direzione nord-ovest. Del cammino si possono rilevare alcune porzioni. Da contrada Masseria la carrozzabile volge in direzione nord-ovest, transitando attraverso “Parco Vecchio” fino a località Madonna del Piano. Qui un bivio consente di raggiungere immediatamente la costa verso nord o, piegando verso occidente, la carrozzabile prosegue per la pianura, concludendosi non lontano da località S. Paolino e nei pressi del porto. Il tragitto è sommariamente segnalato dalla cartografia borbonica 11)A. H. Dufour, M. Amari, Carte comparée de la Sicile du XIIe siècle / d’après Edrisi ; et d’autres géographes arabes…, de Lemercier 1859, Bibliothèque nationale de France, département Cartes et plans, GE C-2369 ed è lecito suppore che abbia origini ben più antiche. Del complesso monastico è giunto ai giorni nostri solo l’edificio sacro. Si tratta di una singolare costruzione cubica. Si accede all’unico vano esistente per mezzo di un ingresso a sesto ribassato posto lungo la parete meridionale. L’ambiente interno risulta illuminato da due finestre quadrate poste lungo le pareti orientale e occidentale. Entrambe le aperture parrebbero risalire a non prima del XVI secolo. La tecnica muraria si compone di pietrame locale unito da malta e presenta numerosi rifacimenti, che i recenti restauri hanno contribuito in parte a nascondere. Solo i cantonali si presentano rinforzati da conci squadrati di arenaria locale. Il vano interno è coperto da una cupola sorretta agli angoli da semplici pennacchi. Nell’angolo di nord-ovest è stato praticato un foro che consente, tramite scala in legno, l’accesso al piccolo terrazzo. L’edificio è stato infatti rialzato al fine di coprire la cupola per mezzo di una sovrastante copertura piana e secondo l’intento di trasformare la chiesa in una bassa torretta. La parete occidentale soffre di una discontinuità della muratura all’altezza della finestra a sesto ribassato. Questa discontinuità dovrebbe essere il risultato del crollo di parte della cupola, oggi reintegrata. La massa cubica della “cuba” di Milazzo trova similitudini con la “cuba” di Malvagna, con la quale condivide senza ombra di dubbio forma e dimensioni. In pianta, infatti, entrambi gli edifici mostrano misure simili, circa 5 metri per lato. Anche la cupola possiede una tecnica edilizia non dissimile, sebbene nel caso della cuba di Milazzo si sia lasciato maggiormente spazio all’utilizzo di terracotta nella forma di laterizi o tegole. E’ probabile che l’edificio milazzese, così come la cuba di Malvagna, fosse arricchito dalla presenza di absidi, nel numero di tre edificate lungo tre lati dell’edificio, escluso il versante dell’ingresso. La maggior parte delle “cube” siciliane sono infatti triabsidate, salvo alcuni edifici a pianta basilicale, presso i quali si osserva una sola abside rivolta ad oriente e due absidiole laterali (è il caso della Cuba di Castiglione o della chiesa del monastero di S. Maria di Mili). Se si procede per confronti tipologici, sarebbe dunque lecito ritenere che la cuba di Milazzo sia stata mutilata delle absidi presumibilmente nel periodo in cui si decise di trasformarla in bassa torre. Le tracce dell’abbattimento non sono così evidenti come si possa credere. La mancanza di dettagliati rilievi della muratura e i due interventi conservativi avvenuti tra il 1997 e il 2010 certamente non aiutano a individuare con certezza nella tessitura muraria quegli elementi di discontinuità che si percepiscono maggiormente lungo il lato occidentale e lungo la muratura del lato orientale, presso il quale sembra di poter riconoscere labili tracce dell’antico arco absidale poco sopra l’attuale finestra. Così come la cuba di Malvagna, anche quella di Milazzo non conserva tracce di affreschi, l’unico ambiente risulta spoglio di qualsivoglia decorazione architettonica, i pennacchi non sono caratterizzati dalla presenza di archetti che impreziosiscono l’interno della cuba di Malvagna. Sebbene sia probabile che tutta a decorazione architettonica e pittorica sia andata perduta nei secoli a causa dei numerosi rifacimenti e riadattamenti, è anche vero che la massa cubica della cuba milazzese restituisce un sensazione di estrema austerità e semplicità che altre cube siciliane non restituiscono. Riguardo alla datazione non si può ignorare quanto Freshfield ipotizzò per le cube di Malvagna, Maccari e Santa Teresa nel 1918. Ritenne infatti, per ragioni prettamente storiche, di poter datare tali strutture in un arco di tempo compreso tra il VII sec. d.C. e il IX/X sec. d.C. 12)Freshfiled 1918, pag. 24 e seg., cioè tra la completa grecizzazione dell’isola e la conquista musulmana. Alcune di queste strutture sopravvissero alla conquista araba anche grazie alle ridotte dimensioni e tornarono a ricoprire un ruolo di rilievo all’interno della riforma che, durante il Regno Normanno di Sicilia, interessò il monachesimo greco.

Bibliografia –

A. H. Dufour, M. Amari, Carte comparée de la Sicile du XIIe siècle / d’après Edrisi ; et d’autres géographes arabes…, de Lemercier 1859, Bibliothèque nationale de France, département Cartes et plans, GE C-2369.

C. Filangeri (1979), Monasteri Basiliani di Sicilia, Messina 1979.

E.H. Freshfield (1913-18), Cellae trichorae and other Christian antiquities, Londra 1913-18.

F. Napoli, Memorie della città di Milazzo, per la prima volta pubblicati a cura di Francesco Ruvolo. Milazzo: Sikronos, stampa 1994.

F. Perdichizzi (1692-1698), Melazzo Sagro, 1692-1698, per la prima volta pubblicato a cura di Francesco Ruvolo e appendice di Francesco Ruvolo con documenti inediti: Architetti lombardi nella Sicilia spagnola, architettura militare e città siciliane nelle visite del …, Sikronos, Milazzo 1996.

M. Scaduto (1947), Il monachesimo basiliano nella Sicilia medievale, 1947.

Licenza Creative Commons
I testi sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Fotografie: Tutti i diritti riservati

References   [ + ]

1. G. Scaduto 1964, pag. 102
2. R. Pirri, vol. II, pag. 999
3. C. Filangieri 1979, pag. 25
4. R. Pirri, vol. II, pag. 999
5. F. Perdichizzi 1692-1698, a cura di F. Ruvolo 1996, pp. 92-93
6. Scaduto 1964, pag. 144
7. R. Pirri, vol II,pp. 1042/1043
8. C. Filangieri 1979, pag. 115
9. F. Perdichizzi 1692-1698, a cura di F. Ruvolo 1996, pp. 92
10. F. Napoli 1642, a cura di F. Ruvolo, pp. 139-140
11. A. H. Dufour, M. Amari, Carte comparée de la Sicile du XIIe siècle / d’après Edrisi ; et d’autres géographes arabes…, de Lemercier 1859, Bibliothèque nationale de France, département Cartes et plans, GE C-2369
12. Freshfiled 1918, pag. 24 e seg.
+Gallery
  • Cuba di Milazzo
+Meta