Fortezza del Grifo o Torre Ombra

×Details

Sessioni fotografiche – 2005/2006 (Nikon Coolpix 5700)

Rapporti ambientali – I ruderi della Fortezza del Grifo o Torre Ombra trovano posto a nord di Mascalucia, presso l’omonima contrada Torre Ombra.

Descrizione storica – L’unica fonte che testimonia l’antichità dell’edificio è uno scritto sul monte Etna, “Il Mongibello”, opera di un tale Carrera, il quale, descrivendo dell’eruzione del 1573, narra di una colata lavica che giunse “infino alla Torre di Grifo”. Nessun altro elemento fornisce notizie utili al fine di poter datare con maggiore precisone i ruderi della piccola fortezza, certamente edificata prima della seconda metà del XVI secolo.

Descrizione topografica e architettonica – I ruderi della fortezza del Grifo sorgono presso contrada “Ombra” (lungo la strada Pedara – Massannunziata), su uno fra i tanti affioramenti di roccia lavica presenti nelle plaghe etnee tra Trecastagni, Pedara e Mascalucia. Si tratta di un complesso edilizio composto da una masseria sette/ottocentesca che ingloba antiche strutture ormai in rovina. Limitano la fruizione della fortezza la vegetazione infestante e le numerose proprietà private che circondano per intero il vecchio complesso edilizio. E’ possibile che la fortezza un tempo fosse formata da una torre, forse un piccolo mastio, che primeggiava sulla campagna circostante. Della struttura turrita oggi rimangono solo alcuni ruderi, la cui tecnica costruttiva si caratterizza per l’utilizzo di pietrame lavico non lavorato, disposto in assise vagamente regolari e legato con malta. La torre possedeva un pian terreno, un primo piano e, forse, un piano terrazzato merlato. Il pian terreno poteva svolgere funzioni legate a deposito di derrate almentari e non lontano un pozzo assicurava agli abitanti un approvvigionamento idrico constante. E’ probabile che la Fortezza del Grifo fosse una torre granaio, edificata per stipare temporaneamente i prodotti agricoli e tenere sotto controllo le attività della zona, similmente alle torri dell’Acquafredda presso Mojo Alcantara e di Albospino, non lontano da Raddusa.

Bibliografia –

AA. VV., Guida ai beni culturali dei comuni di Mascalucia, Tremestieri, S. Pietro Clarenza e Camporotondo Etneo, Trecastagni, Distretto scolastico 18.

Carrera, Il Mongibello.

Licenza Creative Commons
I testi sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Fotografie: Tutti i diritti riservati

+Related
+Meta